loader image

Il Tango con gli occhi di un Argentino

Non si può parlare di Tango argentino senza ripensare all’incredibile ondata migratoria, composta principalmente da europei, che ha colpito l’Argentina a partire dai primi del ‘900, cambiandola per sempre. È in questo contesto di cambiamento e di contaminazione che il folklore argentino e la cultura gauchesca si fondono unendo strumenti, suoni e culture italiche, balcaniche est europee.

È in questo ambiente che prende vita il Tango argentino.
Un genere musicale e di ballo, che nasce e si sviluppa a Buenos Aires, nei sobborghi di una città che ancora non capiva se stessa e il modo in cui stava cambiando.

Diventa la musica di strada, la musica dei bordelli, il ballo proibito dei delinquenti e dei poco di buono.
Il ballo della notte.
Una notte che un tempo non aveva il fascino glam che ha ora, perchè una volta la notte non era il luogo degli eletti, ma il posto dei reietti.

Il Tango era forse quello che poi sono stati l’hip-hop, il raggaeton, la cumbia. Generi musicali del popolo.
La voce e le movenze dei perdenti della società.
L’orgoglio degli ultimi sbattuto in faccia ai ricchi e ai potenti. Ai primi.
Non sono rari Tangos ambientati in squallide case da appuntamento, che hanno come protagonisti ladri o prostitute.
Orgoglio, abbiamo detto. Ma nella ricetta del Tango l’ingrediente principale è la nostalgia.

Un Tango è nostalgico, sempre. 
Perchè il Tango è l’espressione di un sentimento imponente che nasceva dalla sofferenza.
Nasceva da chi è lontano dalla propria casa e dalla propria famiglia, dove l’unica compagna era l’amara consapevolezza dell’impossibilità del ritorno.
Perchè a quel tempo chi partiva lo faceva per non ritornare. E addio era una parola che aveva un peso. Assoluto. 

Nasceva da chi è escluso da una società in cui aveva riposto le proprie speranze, da un criminale o da una puttana.
Nasceva da chi negli occhi mantiene sempre quella patina di dolore e di nostalgia.
Velata magari, ma sempre presente.

Via via poi si è imborghesito, è diventato chic, elegante, fino a diventare un genere di nicchia. Quasi aristocratico.
E fa quasi sorridere se pensiamo all’origine che ha avuto.

Spesso mi chiedono cosa sia il Tango per un argentino.
Il Tango È l’Argentina. Più della pampa, più del gaucho, più della terra del fuoco. Più di Maradona.
Il Tango non è cantare, è recitare.
Il Tango non è ballare, è scopare.
Non è stare attaccati, è fondersi l’uno nell’altro.

È un bar fumoso pieno di ubriachi e puttane.
È il migrante che in quel bar trova conforto, perchè ha lasciato tutta la sua famiglia e sa che non la rivedrà mai più.

Il Tango è il delinquente che ti sorprende scrivendo frasi meravigliose e immortali.
Il Tango è dolore, è nazionalismo. È furbizia.

Il Tango Argentino è mio Padre che mi dice “il Tango lo capirai solo intorno ai 30 anni”. Il Tango è sangue, sudore, è il profumo di una donna che non conosci che ti balla addosso, è oblio.


È sospendere la propria vita e la propria sofferenza per un attimo lungo una canzone.
Il Tango è trattenere le lacrime che ti muoiono dentro.
Il Tango è sessualità inespressa, mantenuta. 
È la più profonda intimità che si possa raggiungere con il ballo.
Il Tango è diventare per un momento eroi, in quel bar fumoso.
Il Tango è una linea retta. Tesa all’infinito. 
La massima espressione della sensualità prima che diventi volgare.

Condividi:


Avatar for Nati & Nico, Natascia & Nicolas

Viviamo in pianta stabile in un piccolo paesino marchigiano, ma dopo innumerevoli viaggi e esperienze di vita all’estero, abbiamo imparato che il viaggio è sentirsi sempre nel posto giusto, ovunque esso sia. Siamo degli ottimisti cronici e forse è proprio per questo che vediamo bellezza e opportunità ovunque. Ci piacciono gli aeroporti che in un attimo legano i fili del mondo, la fotografia e i video che conserviamo e riguardiamo con cura dopo ogni viaggio. Ci piace assaggiare la cucina locale, imparare come vivono gli altri, esplorare e perderci per le infinite vie di un viaggio. TODOMUNDOEBOM è crescita, attimi speciali, condivisione, tolleranza, diversità, amore ed è qui per raccontare, condividere e regalare consigli e soprattutto emozioni. Se volete sapere di più su di noi cliccate qui. Vivimos en un pequeño pueblo en la región Marche, en Italia. Después de tantos viajes y experiencias de vida en el exterior, aprendimos que el viaje es sentirse siempre en el lugar justo, donde sea que esté. Somos muy optimistas y es por esto que nos queda tan fácil ver belleza y oportunidades. Nos gustan los aeropuertos, la fotos y los videos que conservamos y miramos con cura después de cada viaje. Nos gusta probar la cocina local, conocer culturas distintas de la nuestra, explorar y perdernos por las infinitas calles de un viaje. TODOMUNDOEBOM es crecer, vivir momentos especiales, compartir, diversidad, amor, y es contar y regalar consejos y sobre todo emociones. Si quieren saber mas sobre nosotros hagan clic aquí.

Lascia un commento



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.