loader image

Music of the Spheres: il ritorno al Pop dei Coldplay

Per parlarvi del nuovo album dei Coldplay, Music of the Spheres, dobbiamo fare un passo indietro nella loro carriera.

Come è nato Music of the Spheres

Nel 2014 i Coldplay pubblicarono in sordina Ghost Stories, album molto intimo, molto poco mainstream e molto poco orientato a raggiungere alte posizioni in classifica. Come da programma (cosa ampiamente annunciata fin da prima dell’uscita del disco) questo album tanto bello, quanto poco da stadio, non fu portato in tour dalla band.

L’anno successivo uscì invece A head full of dreams, clamoroso successo commerciale che precedette una trionfale ed infinita tournée mondiale. Fu come se i Coldplay si fossero presi una pausa dai piani alti delle classifiche per esplorare, fare ricerca. Come se avessero detto:

Facciamo un attimo quello che piace a noi e poi torniamo a fare quello che piace a voi!

Un’operazione molto simile sembra quella fatta con l’accoppiata Everday Life del 2019 e Music of the Spheres, nuovissimo lavoro pubblicato il 15 ottobre di quest’anno.

Con l’album del 2019 l’obiettivo era quasi creare un’esperienza mistica, attraverso un disco molto intenso, molto intimo e ricercato ma tutt’altro che immediato e orecchiabile. Con Music of the Spheres invece, la meta è chiara. La meta è tornare a dominare le classifiche di vendita e di streaming di tutto il mondo. Lungo il tragitto per arrivare alla meta, prepararono anche il terreno per il prossimo tour mondiale che, c’è da scommeterci, sarà l’ennesimo successo.

La Band, per poterlo fare, ha messo su una squadra di tutto rispetto: in cabina di regia come produttore dell’album è stato chiamato niente di meno che Max Martin, il genio svedese di cui abbiamo parlato nell’articolo, Il Miracolo svedese: il filo invisibile che lega All that she wants e Blinding lights. Inoltre si sono avvalsi di collaborazioni di altissimo livello come il solito Davide Rossi (violinista italiano che ha scritto l’epico riff di archi di Viva la Vida) e il guru dell’elettronica Jon Hopkins, ma anche collaborazioni ben ragionate a livello commerciale come Selena Gomez ed i BTS.

I brani dell’album

A proposito dei BTS, è proprio My Universe, secondo singolo dell’album, in collaborazione con la band coreana, a schizzare immediatamente in testa alla classifica Billboard americana. Posizione numero 1 a cui Chris Martin e Co. mancavano dal 2008 con Viva la Vida.

Music of the Spheres è un bel disco pop di qualità. Riesce a fondere alcune sonorità tipiche dei Coldplay con i suoni moderni che si rifanno agli anni ’80 che tanto sono tornati di moda oggi. Quasi tutte le tracce sono potenziali singoli e tutte sono a loro modo interessanti, oltre ai già sentiti e citati Higher Power e My Universe spiccano la semplice ma funzionale ballata,  molto Coldplay style, Let Somebody Go con la Gomez, la sorprendente Biutyful.

Non può mancare spazio per il richiamo politico e sociale di People of The Pride (qui riff di chitarra rubacchiato ai Muse). Ma non solo. C’è anche l’apriconcerti Humankind che ricorda un po’ il brano A Head Full of Dreams con cui si apriva il tour del 2016.

In chiusura la band di Londra ci saluta con Coloratura, un brano di 10 minuti in cui si lascia andare a chiari richiami a Lennon e Bowie.

In conclusione, Music of the Spheres è un bel lavoro pop di una band che sa stare al passo coi tempi, senza essere mai la brutta copia di sé stessa e questa, nemmeno per i nostalgici di Parachutes può essere una brutta notizia.

Siete d’accordo con noi?

Condividi:


Avatar for Nati & Nico, Natascia & Nicolas

Viviamo in pianta stabile in un piccolo paesino marchigiano, ma dopo innumerevoli viaggi e esperienze di vita all’estero, abbiamo imparato che il viaggio è sentirsi sempre nel posto giusto, ovunque esso sia. Siamo degli ottimisti cronici e forse è proprio per questo che vediamo bellezza e opportunità ovunque. Ci piacciono gli aeroporti che in un attimo legano i fili del mondo, la fotografia e i video che conserviamo e riguardiamo con cura dopo ogni viaggio. Ci piace assaggiare la cucina locale, imparare come vivono gli altri, esplorare e perderci per le infinite vie di un viaggio. TODOMUNDOEBOM è crescita, attimi speciali, condivisione, tolleranza, diversità, amore ed è qui per raccontare, condividere e regalare consigli e soprattutto emozioni. Se volete sapere di più su di noi cliccate qui. Vivimos en un pequeño pueblo en la región Marche, en Italia. Después de tantos viajes y experiencias de vida en el exterior, aprendimos que el viaje es sentirse siempre en el lugar justo, donde sea que esté. Somos muy optimistas y es por esto que nos queda tan fácil ver belleza y oportunidades. Nos gustan los aeropuertos, la fotos y los videos que conservamos y miramos con cura después de cada viaje. Nos gusta probar la cocina local, conocer culturas distintas de la nuestra, explorar y perdernos por las infinitas calles de un viaje. TODOMUNDOEBOM es crecer, vivir momentos especiales, compartir, diversidad, amor, y es contar y regalar consejos y sobre todo emociones. Si quieren saber mas sobre nosotros hagan clic aquí.

Lascia un commento



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *